Cosa sono gli Open Data?

#

I dati aperti, comunemente chiamati con il termine inglese open data anche nel contesto italiano, sono alcune tipologie di dati liberamente accessibili a tutti, privi di brevetti o altre forme di controllo che ne limitino la riproduzione e le cui restrizioni di copyright eventualmente si limitano ad obbligare di citare la fonte o al rilascio delle modifiche allo stesso modo. L'open data si richiama alla più ampia disciplina dell'open government, cioè una dottrina in base alla quale la pubblica amministrazione dovrebbe essere aperta ai cittadini, tanto in termini di trasparenza quanto di partecipazione diretta al processo decisionale, anche attraverso il ricorso alle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione; e ha alla base un'etica simile ad altri movimenti e comunità di sviluppo "open", come l'open source, l'open access e l'open content. Nonostante la pratica e l'ideologia che caratterizzano i dati aperti siano da anni ben consolidate, con la locuzione "open data" si identifica una nuova accezione piuttosto recente e maggiormente legata a Internet come canale principale di diffusione dei dati stessi.

Rifiuti Urbani e Speciali

Testo

L’obiettivo complessivo del progetto è quello, attraverso un processo di informatizzazione, di dotare il Comune di Campagnano di Roma di strumenti per acquisire ed organizzare le informazioni inerenti il ciclo di vita dei rifiuti urbani e speciali e di costruire DataSet in formato Open Data da esporre all’utenza pubblica. Produzione rifiuti: La produzione dei rifiuti è fortemente legata all’urbanizzazione del territorio e all’organizzazione delle attività industriali e commerciali. L’obiettivo del progetto, è quello di pubblicare Open Data, che potranno essere di supporto a chi interessato, e quindi anche all’amministrazione stessa, ai fini di valutare quanto la produzione dei rifiuti sia variata negli anni e come siano variate le tipologie di rifiuti prodotti, analizzando tali dati in relazione a parametri nazionali di riferimento e a parametri socioeconomici. Raccolta, Recupero e smaltimento rifiuti: Il sistema di raccolta rappresenta uno degli aspetti fondamentali nella gestione dei rifiuti urbani, da un lato perché influenza la quantità e la qualità dei rifiuti che vengono intercettati ed avviati a recupero o smaltimento, dall’altro perché influenza il costo del servizio di raccolta. Le modalità di recupero e smaltimento a cui vengono avviati i rifiuti urbani e speciali sono fondamentali nel determinare la qualità e l’efficacia dell’intera gestione dei rifiuti. L’obiettivo è costruire DataSet che consentano di verificare come vengono recuperati e smaltiti i rifiuti, monitorando così in quale percentuale le diverse categorie di rifiuti sono recuperate, avviate direttamente a smaltimento o pretrattate.

Navigazione Dataset

Tutte le rilevazioni effettuate ed inserite a sistema, come anche tutti gli indici calcolati, sono facilmente oggetto di export dall’applicativo di gestione, quindi a cura degli Amministratori, in formato condivisibile. Le informazioni saranno messe a disposizione degli utenti pubblicandoli nell’apposita area di condivisione diventando dunque consultabili via internet da qualsiasi postazione. I dataSet pubblicati nel portale di interrogazione, se accompagnati da coordinate geografiche di latitudine e longitudine sono georeferenziati e la mappatura degli oggetti viene raffigurata in layer cartografico.


Download diretto dei dataset in formato csv


Finanziamento

Il progetto dell’amministrazione è nato grazie all’iniziativa della Regione Lazio che ha promosso un avviso pubblico emanato in attuazione della L.R. n.7 del 18/06/2012 “Disposizioni in materia di dati aperti e riutilizzo di informazioni e dati pubblici e iniziative connesse”, di recepimento della Direttiva 2003/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa al riutilizzo dell'informazione del settore pubblico, a valere sulle risorse del Programmo Operativo Regionale “Competitività regionale e occupazione” 2007-2013, cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), Asse I “Ricerca, Innovazione e rafforzamento della base produttiva”, Obiettivo operativo 4) “Favorire una crescita del sistema produttivo attraverso lo sviluppo inclusivo e sostenibile della società dell’informazione”, Attività 7 “Sviluppo di applicazioni, prodotti, processi, contenuti e servizi ICT”.
L’amministrazione ha presentato la proposta progettuale per la selezione e il finanziamento all’organismo intermedio FILAS SPA, ottenendone riscontro positivo.